sabato 11 agosto 2012

S di Sesso

Vorrei proporre questo post anche qui oltre che su Tumblr, semplicemente perché anche in questo blog vorrei condividere la mia piccola riflessione sul sesso in generale. Spero vi piaccia, e gradirei che mi faceste sapere cosa ne pensiate voi a rigurardo.
Baci, CrearsiLaSfiga


Non so di preciso quando ho scelto che il genere maschile fosse quello che mi attizzasse maggiormente. Ormai sono passati migliaia di anni da quando l'uomo si riproduceva per il mantenimento della specie. Nella società odierna, il sesso è un divertimento, un intrattenimento, un gioco, un lavoro, un passatempo, un'esigenza, un'ostacolo, un traguardo. Potrei continuare per ore. Non è più visto come vero e proprio atto riproduttivo. Tranne da tutti i babbei che credono ancora nell'esistenza di un qualche essere divino che ha deciso che il sesso fosse solo un modo per sfornare pargoli a ripetizione. Patetici. Se la riproduzione fosse l'unico scopo, non ci saremmo evoluti per far si che il sesso fosse tanto godurioso. Ciò è molto evidente nel genere maschile. Per potersi riprodurre, l'uomo ha la necessità di avere un orgasmo, altrimenti niente spermatozoi. Nella donna invece,non è necessario, ma comunque ci siamo evolute in modo tale che anche per noi il sesso fosse l'apoteosi del piacere fisico. 

  





Fusione di corpi.








Uniamo, spesso e volentieri i nostri corpi in un turbinio di passioni, per semplice, puro ed egoistico piacere fisico. Ma la penetrazione non è sinonimo di sesso. Alla soglia del 2013 d. C. ci sono innumerevoli modi per raggiungere quell'attimo di perdizione. Ci siamo evoluti a tal punto che ci spingiamo sempre oltre alla ricerca di nuovi appagamenti. Siamo liberi, o quasi, di scegliere chi o cosa sia in grado di farci fremere. Uomini, donne, oggetti, c'è chi si spinge anche oltre. 
La cosa che più mi lascia perplessa è che il sesso sia ancora oggi un tema tabù. Nel contesto sociale in cui sono cresciuta, non si deve parlare mai di sesso, perché è un argomento da "adulti", e le brave figliole tengono le cosce ben chiuse fino al matrimonio. Ecco cosa si pensa riguardo a "quella cosa" nei paesini del meridione. Non si pronuncia nemmeno la parola "sesso". Troppo volgare a quanto pare. Io per fortuna ho avuto genitori che non hanno mai imprigionato i miei pensieri. Sono stata educata per fare sempre scelte consapevoli. E così ho fatto e farò sempre.






           La bellezza del peccato. 









Il sesso deve essere sinonimo di libertà, appagamento, piacere. Ma nelle alte vette Aspromontine, è solo sinonimo di silenzio. Il silenzio che porta ad essere bigotti, falsi puritani e ipocriti.
Bisogna sempre ricordare che noi, non siamo altro che il frutto di una scopata. E questa è la pura verità.

4 commenti:

  1. Appena ho tempo leggo la tua riflessione e ti metto un commento...

    RispondiElimina
  2. dove hai trovato l'anti spam boot?

    RispondiElimina
  3. Non sei sfigata... leggi un po' di Programazione neouro linguistica, nessuno lo è...

    Cura i tuoi pensieri e diventeranno parole; Cura le tue parole e diventeranno le tue azioni; Cura le tue azioni e diventeranno le tue abitudini; cura le tue abitudini e diventerano il tuo carattere; Cura il tuo carattere e diventerà il tuo destino; Quello che pensiamo e quello che diventeremo. M.Tacher - la donna di ferro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non credo assolutamente nella Sfiga!!infatti mi sono creata questo alter ego in un certo senso...CrearsiLaSfiga...a mio modestissimo parere, quello che noi interpretiamo come sfortuna,è solo frutto delle nostre scelte.Sono le nostre decisioni che ci permettono di avere "fortuna" o meno. Grazie per aver commentato.

      Elimina

Voi che ne pensate?